Anconetani su Second Life sulla Domenica del Corriere Adriatico

Ieri e’ uscito l’articolo sulla Domenica del Corriere Adriatico dove compaio anch’io riguardo Second Life. Un ringraziamento particolare va all’autore dell’articolo Edoardo Danieli, amico e bravissimo giornalista che mi ha voluto inserire.

Michele sulla Domenica del Corriere Adriatico parla di Second Life

Questo l’estratto dove spiego velocemente cosa penso di Second Life:

Michele Marcucci e’ invece l’altra visione. Giovanissimo, anconitano, da un anno lavora come sistemista Unix per Fastweb a Milano. “Rispetto al momento iniziale – dice – ne ho rivalutato il senso e soprattutto la sua vivibilita’. Perche’ purtroppo come capita spesso in rete, anche SL, e’ diventato il raduno piu’ grande di spammers e persone poco inclini alla socializzazione e molto al guadagno facile (sulla pelle degli altri). Insomma se SL doveva essere il mondo virtuale dove poter far tutto, divertirsi e soprattutto socializzare col mondo intero trovo che il progetto sia naufragato nell’oceano di spazzatura in cui la rete da qualche anno e’ immersa fino al collo. Con questo – e’ la conclusione – non voglio dire che SL sia la tana del lupo, e’ sicuramente da provare, visitare ed esplorare ma con le docute accortezze, perche’ il mondo virtuale non e’ poi cosi’ diverso da quello reale”.

L’articolo completo apparso sulla Domenica del Corriere Adriatico: La vita di sola informazione

Post simili:

If you enjoyed this post, please consider to leave a comment or subscribe to the feed and get future articles delivered to your feed reader.

One Response to “Anconetani su Second Life sulla Domenica del Corriere Adriatico”
  1. Patrizio
    20:48 on November 19th, 2007

    SL è veramente un letamaio, mi viene il nervoso solo a pensarci.

Leave a comment

(required)

(required)


*

Categories