Il paradiso degli orchi

Daniel Pennac

Un eroe, Malaussène, che come lavoro fa il “capro espiatorio”. Una famiglia disneyana, senza mamme e babbi, con fratellini geniali, sorelle sensitive, una “zia” maschio protettrice di vecchietti, ladri e travestiti brasiliani, una “zia” femmina super-sexy, ritratto irresistibile del giornalismo alla “Actuel”, una misteriosa guardia notturna serba, un cane epilettico. Questa esilarante banda di personaggi indaga su una serie di oscuri attentati, sull’orrore nascosto nel Tempio del benessere, un Grande Magazzino dove scoppiano bombe tra i giocattoli e un Babbo Natale assassino aspetta la prossima vittima. Un’altalena tra divertimento e suspence, tra una Parigi da “Misteri” di Sue e una Parigi post-moderna dove proliferano i piccoli e grandi “orchi” che qualcuno crede estinti. Degli orchi si può ridere o si può tremare. Uno scrittore d’invenzione, un talento fuori delle scuole come Pennac, non ha certo paura di affrontarli con l’arma che lui stesso così definisce nel libro: “l’umorismo, irriducibile espressione dell’etica”. – Stefano Benni

Recensione: Il paradiso degli orchi

Post simili:

If you enjoyed this post, please consider to leave a comment or subscribe to the feed and get future articles delivered to your feed reader.

6 Responses to “Il paradiso degli orchi”
  1. Selene
    16:08 on July 19th, 2010

    Già, questo romanzo è intimamente ben realizzato: perfettamente confezionato, in una storia ben tornita e pronta per la lettura, con la giusta dose di suspense e di attesa, buoni colpi di scena, spesso imprevedibili, e una gradevole trama.

  2. irene
    15:29 on December 27th, 2009

    nn ci ho kapito nnt :(

  3. eLo
    11:49 on October 19th, 2005

    Se ti capita e se hai voglia leggiti tutta la saga: sono uno meglio dell’altro, anche se “Il paradiso degli orchi” rimane comunque il mio preferito :)

  4. michelem
    15:02 on October 18th, 2005

    Mi e’ piaciuto molto infatti, divertente e rilassante.
    Era tanto che dicevo di voler leggere qualcosa di questo autore molto simile a Stefano Benni che e’ un altro dei miei preferiti, come gia’ sai ;)

  5. eLo
    14:52 on October 18th, 2005

    La famiglia Malaussène!! I libri di Pennac dedicati a questi personaggi esilaranti sono in assoluto fra le mie letture preferite. Perché si ride, sì… ma si riflette anche. Grandioso Pennac *__* Ottima scelta! ^_*

  6. mimmoloG
    01:46 on October 18th, 2005

    caro michelem, uno delle sage piu’ divertenti degli ultimi anni. un paio di anni fa, per caso a parigi, ho fatto un giro a belleville … c’e’ il cinema zebra de “la fata carabina”! (il seguito de “il paradiso degli orchi”).
    pennac ci piace molto …
    segnalo un altro autore francese, piu’ giovane, tale “chimo”, e’ uno pseudonimo …
    ciao bello
    mimmoloG

Leave a comment

(required)

(required)


*

Categories