Alice: i giorni della droga (Go ask Alice!)

Anonimo

Alice è una quindicenne che appartiene al ceto medio. Sta a dieta e ha una vita amorosa normale. Ottiene buoni voti a scuola e pensa che un giorno le piacerebbe sposarsi. Quando, durante un party, Alice fa un ‘viaggio’ con la droga, la sua vita cambia radicalmente. I genitori non sanno cosa le stia accadendo, non capiscono e pensano che Alice, precipita in una serie di esperienze seducenti ma disgregatrici, sia ‘legata alla gente sbagliata’. La differenza tra Alice e molti altri giovani che si drogano sta nel fatto che Alice teneva un diario. Questo diario, in realtà anonimo, si presenta ora come un documento esemplare – sottolinea lo psichiatra Max Beluffi nella prefazione – per chi voglia cogliere “i fattori storici e culturali che hanno facilitato questo particolare stile di evasione collettiva dalla realtà“.

Recensione: Alice: i giorni della droga (Go ask Alice!)

Post simili:

If you enjoyed this post, please consider to leave a comment or subscribe to the feed and get future articles delivered to your feed reader.

2 Responses to “Alice: i giorni della droga (Go ask Alice!)”
  1. matteo
    22:40 on August 31st, 2008

    ciao passavo di qua per caso e non so neanche bene di cosa si tratti ma ho letto cosa ha scitto FANTASMA ma ti rendi conto o no che hai scritto una marea di puttanate?credi che prendendo droghe potrai risultare piu simpatico o degno di ammirazione ma spiace deluderti ma non é proprio cosi…Non credere che anche le persone più brillanti o riuscite non abbiano problemi ma il passaggio all’uso di droghe non è automatico!Molto più probabilmente il tuo é un problema di tipo caratteriale che può essere meglio risolto da uno specialista del campo!Le droghe ti sballano per un periodo di tempo ma dopo ti ritroverai fiondato nello stesso mondo di merda dove ti trovavi prima quindi tanto vale prendere la situazione di petto ed affrontare la vita e i problemi!Anche io ho pochi amici ma non per questo me ne duolgo…Oggi giorno si ritiene amico il primo che passa per strada mentre l’ amicizia e un sentimento sacro che e ritengo che poche persone siano degne di essere chiamate amici!pensaci bene….ciao

  2. fantasma
    15:10 on May 23rd, 2008

    Non ho mai fumato in vita mia ma da un po’ sto pensando di iniziare a fare uso di droga.
    Ho sempre avuto curiosità ora sto attraversando un momento di debolezza verso il mondo esterno e non mi ritengo all’altezza così ho pensato di ingannare la mia vita assumendo delle droghe..
    So che può essere pericolo anzi si può morire, ma chissenefrega piuttosto che fare sta vita di merda ogni giorno sempre uguale non riesco a essere brillante come vorrei le ho tentate tutte, ho studiato mi son documentato ho letto, ma niente rimango ignorante..poi sono timido non ho carattere e fin da piccolo sono stato emarginato, mi sono rifatto facendo esperienze anche da solo per maturare più velocemente, ma rimango lo stesso di prima.Non riesco a essere sciolto davanti agli altri ma neanche da solo ormai..mi sento inutile e incapace di diventare utile ma soprattutto mi ritengo uno sfigato e questo proprio non lo sopporto!!
    Cazzo ho sempre cercato di allontanarmi il più possibile da questo stato dal quale mi son sempre riconosciuto ma ora a causa di determinate circostanze sto riscontrando che sfigato lo sono ancora..Anzi di più perchè mi devo confrontare con persone di un certo livello, ma io non riesco a migliorare..sono sempre lo sfigato di prima..
    Sono un fantasma per la società ho pochi amici e me li tengo stretti perchè sono gli unici, ma tutte le persone che mi conoscono sanno che spiccico poche parole con loro e quindi come si fa a creare un rapporto di amicizia ed intesa con loro??
    O parlo di più e ci si conosce e si diventa amici oppure si rimane essere due estranei come del resto capita con tutte le persone che vengono a contatto con me..
    sono un fallito…
    L’alternativa alla droga è suicidarsi ma sarebbe la conferma della mia inettitudine, e quindi preferisco optare per il consumo di droga,magari sfrenato così da morire lo stesso.
    almeno finisco di soffrire..

Leave a comment

(required)

(required)


*

Categories